lunedì 25 ottobre 2010

che fare del proprio tempo libero

Intanto procurarselo, a costo di rubare ore ad attività socialmente più prestigiose, quali ad esempio fare carriera, mettere le corna al partner, giocare al superenalotto, guardare porta a porta (esiste ancora?).

Una volta strappato anche solo un misero quarto d'ora, togliersi le scarpe, coricarsi in un prato (possibilmente non umido, visto il precario stato di salute della sottoscritta) vicino ai soffioni, cliccare sul tasto OFF in alto a destra del cervello, resettare il sistema nervoso, e infine:

dare da mangiare ai pesci rossi.

Ah. Benvenuti.

17 commenti:

  1. che bello finalmente una faccina come si deve :)) _____ MI PIACE _____ ahahahha (non picchiarmi :))

    RispondiElimina
  2. @ max. Grazie!! Ci metterò un po' ad ambientarmi, mi manca il tempo e sono imbranata come una foca alle prese con un cellulare.

    @ teti. Ciao!! Hai visto che ce l'ho fatta? Se mi capiti sotto mano ti costringo a fare l'autostop.

    RispondiElimina
  3. Ahahah però è divertente questo giochino nuovo. Da quando fai il damo di compagnia, max?

    RispondiElimina
  4. qualcuno ha dato da mangiare ai pesciolini mentre non c'ero?

    RispondiElimina
  5. Toh, la espe! E quando contavi di dirmelo? Santo cielo... devo tenerti sempre d'occhio!

    Dunque: ho dato la pappa ai pesci. I miei tre mostriciattoli rossi macchiati neri macchiati bianchi. Per l'esattezza tre: Diesel, Poldo e Pasquale. Tre belle creaturine fameliche e totalmente (e beatamente) indifferenti.

    Ah: oggi piove e i soffioni si trovano solo a primavera per cui per la fase "prato" preferirei aspettare.

    Ben trovata!

    RispondiElimina
  6. Io ho dato parecchio mangime ai tuoi pesci, espe. Direi che per oggi ne hanno avuto abbastanza.

    RispondiElimina
  7. @ euri- Ciao!! Sono in fase di allestimento, ancora. Temo che durerà un po' perchè mi sento parecchio imbranata. Ho messo un link dall'altra parte. Spero che non mi arrivi subito da pagare l'ICI sulla seconda casa.
    I pesci affamati sono i miei qua sotto, ma vedo che ci ha già pensato qualcuno!

    RispondiElimina
  8. @ je est- Lo so, non era il caso di fare un commento nuovo, potevo scrivere osopra. Mi devo abituare. Che belli i botta e risposta di là, eh?

    Trovo i pesci un po' ingrassati, che gli hai dato?

    RispondiElimina
  9. Ah, i "tuoi" pesci! Li vedo solo ora. E' che messi lì in basso non li avevo proprio notati, c'è mancato poco che mettessi un piede dentro l'acquario...

    RispondiElimina
  10. Ma che mi tocca fare per non perderti..Le vibrisse mi hanno guidata fin qui: ora bavaglino e zampa uncinata son pronti! A me l'acquario!

    RispondiElimina
  11. In effetti di là era più immediato, o forse è solo questione di abitudine. Se vuoi ti insegno come fare a togliere i fatidici pulsantini del mi piace. O li lasci solo per dispetto a LLiiiibbbbero?

    RispondiElimina
  12. Quasi quasi me li faccio mettere grossi cosi!!

    RispondiElimina
  13. Beh. Eccoti qua coi pesci rossi. Vediamo se stavolta sono più fortunello. Provo a dire Abracadabra...e poi dico anche ciao...:o)
    Ah, sono Art. Artchoker. Do you remember of me?

    RispondiElimina
  14. "(...) se non ci fosse tristezza né miseria, se ovunque scorressero acque sulle pietre, se cantassero gli uccelli, la vita potrebbe essere solo starsene seduti in mezzo all'erba, tenere in mano una margherita senza strapparle i petali, perché le risposte si conoscono già, oppure sono così poco importanti che scoprirle non vale la vita di un fiore." (indovina? memoriale del convento)

    e siccome oggi non sono triste e non ci ho manco una margherita sulla cui vita ragionare, mi stendo sul tuo prato e nutro li pescetti

    RispondiElimina
  15. Allora i pesci li ho nutriti,il cervello è spento (era acceso prima?),mi manca il prato che è pieno di brina e i soffioni,siamo un po fuori stagione ma forse all'esselunga li trovo...

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget